Calendario eventi

agosettembre 2017ott
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021SMART BUILDING LEVANTE - 2017

SMART BUILDING LEVANTE - 2a Edizione
222324
2526272829301
23Convegno informativo/formativo polveri di legno duro rischi per la salute - 3 Ottobre
45678

Fotogallery

Gli Acconciatori CNA Bari creano il futuro: Total look FdL 2017

Gli Acconciatori CNA Bari creano il futuro: Total look FdL 2017

Totale foto: 64 | Inserito in data: 19 settembre 2017

Visualizza

Giuseppe Sirago premiato al Quirinale

Giuseppe Sirago premiato al Quirinale

Totale foto: 2 | Inserito in data: 20 settembre 2016

Visualizza

CNA: DA 70 ANNI CONNESSA CON LE AZIENDE E CON IL CAMBIAMENTO

CNA: DA 70 ANNI CONNESSA CON LE AZIENDE E CON IL CAMBIAMENTO

Totale foto: 6 | Inserito in data: 30 giugno 2016

Visualizza

ISTANTANEEE DEL 10 GIUGNO

ISTANTANEEE DEL 10 GIUGNO

Totale foto: 31 | Inserito in data: 23 giugno 2016

Visualizza

Iscriviti alla Newsletter

europa2020.jpg
CNAlattierocaseario-_per_sito.png
cna.jpg
logo-vita-impresa-lavoro.jpg

Patentino del frigorista - trasferimento certificazione persone

24 aprile 2014

ACCREDIA, nella sua circolare 8/2014 del 31 marzo scorso (v. ns. mail del 2/4 u.s.) prevede, per la persona che vuole trasferire la propria certificazione da un ente all'altro, il pagamento di non meglio precisati "oneri" per il trasferimento della pratica.

Per CNA Installazione Impianti, se tale onere fosse stato già previsto nel contratto che la persona sottoscrive con un ente per ottenere la certificazione non vi sarebbe nulla da obiettare; si tratterebbe di un rapporto commerciale tra due soggetti regolato da un contratto che ciascuno dei due contraenti è libero di siglare o meno. 

Decisamente poco corretto pare invece quanto previsto da ACCREDIA quando specifica che "Per le persone che non avessero preventivamente accettato la clausola e che vogliono trasferire il certificato già al primo mantenimento, gli oneri per il trasferimento saranno oggetto di specifica offerta, con l'importo previsto a tariffario". In pratica, si impone al cliente un onere non previsto dal contratto e soprattutto, supponiamo, neanche dal tariffario che ogni Organismo di Certificazione aveva l'obbligo di inviare al Ministero dell'Ambiente per l'approvazione, così come prevede l'art. 5, comma 1, DPR 43/2012).

CNA Installazione Impianti ha pertanto chiesto un intervento del Ministero che chiarisca la questione in modo da evitare indebiti pagamenti da chi si è già certificato e vuole esercitare una sua libera scelta nel decidere con quale ente proseguire il percorso certificativo.

E' del tutto evidente che, qualora nel contratto sottoscritto da una persona con un ente di certificazione non sia prevista alcuna "penale" per il passaggio ad altro ente, qualsiasi richiesta di pagamento deve essere considerata indebita e denunciata.

Archivio news

Torna indietro

© 2017 Copyright CNA Bari. Tutti i diritti riservati

Via Nicola Tridente, 2/bis - 70125 Bari -

Tel. 080/548.6908/2676/4570 - Fax 080/5486947 - Codice Fiscale/Partita IVA 80019270729

Powered by Laboratre | Valid CSS | Valid XHTML