Calendario eventi

maggiugno 2019lug
lunmarmergiovensabdom
27282930IL GAS RADON: RISCHI PER LA SALUTE, MODALITA’ E CRITERI PER L’AGIBILITA’ EDILIZIA
3112
34567Avvio corso per la certificazione FRIGORISTI FGAS
89
10111213141516
17181920212223
24252627282930
1234567

Fotogallery

In ricordo di Donato Bellomo 30 gennaio 2018

In ricordo di Donato Bellomo 30 gennaio 2018

Totale foto: 15 | Inserito in data: 01 febbraio 2018

Visualizza

Cofidi: DIAMO CREDITO ALLE IMPRESE

Cofidi: DIAMO CREDITO ALLE IMPRESE

Totale foto: 5 | Inserito in data: 19 gennaio 2018

Visualizza

Smart building: 21 settembre 2017

Smart building: 21 settembre 2017

Totale foto: 92 | Inserito in data: 26 settembre 2017

Visualizza

Iscriviti alla Newsletter

cna.jpg
3.8_new__giugno_2018.jpg
europa2020.jpg
CNAlattierocaseario-_per_sito.png
logo-vita-impresa-lavoro.jpg

Rete Imprese Italia. Ottantamila artigiani e commercianti in piazza. La più grande manifestazione di sempre nella storia delle piccole imprese. Ora la politica e le istituzioni non possono più voltare la testa dall'altra parte

19 febbraio 2014

“Che emozione! Questo è un evento storico di cui la politica dovrà tener conto. Da oggi dovrà rispettare il nostro mondo. Sentire le nostre ragioni. Oggi gli invisibili sono diventati visibili perché le ragioni dell’impresa diventino le ragioni dell’Italia”.Così ha esordito il presidente della CNA, Daniele Vaccarino (video integrale dell'intervento), di fronte a 80mila piccoli imprenditori provenienti da tutto il Paese, giunti alla manifestazione indetta da Rete Imprese Italia in una Piazza del Popolo gremita fino al Pincio, a Piazzale Flaminio, a Via del Corso, come da anni, dai tempi della politica di piazza non accadeva più.Vaccarino ha esortato e spronato artigiani e commercianti a non chiudersi in se stessi, in un afflato ideale con i colleghi di Casartigiani, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti, tutti senza cravatta, fianco a fianco l’uno con l’altro sul palco durante l’intera serie di interventi, aperta dal presidente portavoce di turno di Rete Imprese Italia, Marco Venturi.

“Oggi si celebra la giornata dell’orgoglio di noi artigiani, commercianti, imprenditori tutti – ha spiegato Vaccarino – l’orgoglio delle nostre associazioni e di Rete Imprese Italia, di chi è sempre dimenticato, di chi è considerato un problema. Ma può costituire un problema il 98 per cento delle imprese italiane? Non è, forse, la soluzione al problema?”

“Noi non abbiamo perso la speranza – ha continuato il presidente della CNA – abbiamo perso la pazienza. La politica ci ha delusi.  Non siamo sereni, siamo incazzati!”. Vaccarino si è quindi idealmente rivolto al presidente del Consiglio incaricato, Matteo Renzi, che è un amante di twitter, rivolgendogli una serie di richieste appunto nella forma della comunicazione sintetica attraverso un nuovo hastag: #noicisiamo.

E allora #noicisiamo, ha cominciato il presidente della CNA, “per ridurre la pressione fiscale a partire dall’Irap, una imposta ingiusta che colpisce il lavoro e chi produce. Perché i capannoni non vengano equiparati alle case di lusso, nei capannoni si produce lavoro”. E ancora, “per combattere la burocrazia: noi siamo un Paese in cui ogni tre giorni hai un adempimento da rispettare, dove per assumere un apprendista sono necessari dodici adempimenti, dove il digitale non riesce a sostituire il cartaceo, dove per tracciare i rifiuti ci si è inventato quel mostro che è il Sistri. Ma non siamo stati certo noi ad aver creato la Terra dei Fuochi. Non sono state certo le imprese che ci sostengono, voi che siete qui, ad aver creato la Terra dei Fuochi!”

Quindi, Vaccarino è passato alla questione fiscale: “Come mai, ci domandiamo, quando sei debitore, vieni perseguitato da sanzioni, ganasce fiscali e blocco del Durc e invece quando sei creditore non hai nessun diritto? #noicisiamo per chiedere la compensazione tra debiti e crediti con la Pubblica amministrazione”. Secondo il presidente della CNA, “#noicisiamo perché le banche tornino a fare il loro mestiere di dare credito alle imprese e alle famiglie. Perché liberalizzare – ha spiegato – non significhi ridurre i carrozzieri a meri prestatori d’opera delle assicurazioni, perdendo la libertà d’impresa, perché liberalizzare non significhi togliere libertà di scelta ai consumatori. Perché – ha puntualizzato – non crediamo che i giovani non lavorino in quanto sono poco ambiziosi e preferiscono rimanere a casa dei genitori. Noi vogliamo, piuttosto, consentire ai giovani di realizzare le loro ambizioni. Vogliamo che il mondo delle piccole imprese sia il mondo dove i giovani possano entrare e lavorare”.

“Siamo un popolo meraviglioso – ha poi affermato Vaccarino rivolto alla piazza  – un grande popolo, dove anche i pensionati si rimboccano le maniche e dispensano il loro sapere. Perché noi siamo il saper fare, noi siamo gli originali del Made in Italy, quelli che tutto il mondo vuol copiare. E anche l’Europa deve tenerne conto, valorizzando le produzioni nazionali, le nostre produzioni. Ora basta con gli sgambetti alle imprese”.

“Non meritiamo tutto quanto ci viene fatto – ha alzato i toni il presidente della CNA - La politica deve rilanciare i consumi e gli investimenti. Allentare il patto di stabilità per realizzare i lavori immediatamente cantierabili, utili a riqualificare il nostro martoriato territorio e i nostri centri urbani. Deve far ripartire gli investimenti privati, consentendo alle imprese la massima flessibilità nell’ammortamento dei beni”.

Avviandosi alla conclusione, prendendo spunto dalla prossima nascita del nuovo esecutivo, Vaccarino ha sottolineato che “Il futuro governo dovrà totalmente cambiare impostazione e proporre un progetto di crescita del Paese. Un progetto costruito sui punti di forza dell’Italia. E noi siamo uno di questi punti, con la capacità di rischiare, di intraprendere, con il nostro saper fare e la nostra creatività. Pretendiamo di essere considerati per il nostro lavoro, le nostre competenze, quanto abbiamo dato e possiamo dare. L’Italia deve ripartire con noi. Noi ci siamo – ha esortato infine Vaccarino gli 80mila imprenditori di Piazza del Popolo - Riprendiamoci il futuro. Insieme”.

Archivio news

Torna indietro

© 2019 Copyright CNA Bari. Tutti i diritti riservati

Direzione: Viale Luigi Einaudi 51 70125 Bari Tel. 080.548.2676/4570 mail: bari@cna.it

Uffici.......: Via Nicola Tridente, 2/bis 70125 Bari Tel. 080.5486908 mail: info@cnabari.it

Codice Fiscale/Partita IVA 80019270729

Powered by Laboratre | Valid CSS | Valid XHTML